Ars panicalensis | PANICALE, 8 MARZO 2015. PREMIAZIONE CONCORSO CASTELLO DI PANICALE – ANITA BELLESCHI GRIFONI
50357
post-template-default,single,single-post,postid-50357,single-format-standard,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor-ver-1.8.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

PANICALE, 8 MARZO 2015. PREMIAZIONE CONCORSO CASTELLO DI PANICALE – ANITA BELLESCHI GRIFONI

Per il secondo anno consecutivo Panicale festeggia l’otto marzo, premiando i preziosi lavori delle ricamatrici delle scuole nazionali ed estere che hanno partecipato al concorso internazionale del merletto e del ricamo “Castello di Panicale – Premio Anita Belleschi Grifoni” indetto in occasione della seconda edizione della Mostra Mercato “Fili in Trama”.

Il tema di quest’anno, “farfalla e libellula… tra leggerezza e bellezza”, è stato realizzato con varie tecniche, dal merletto di Orvieto, allo sfilato siciliano, al Filet di San Feliciano, all’Ars Panicalensis, per la quale tecnica è arrivato un elaborato perfino dal Giappone.

Queste e altre lavorazioni di altrettante interessanti scuole, sono stati esaminati da una commissione di esperti del mondo del ricamo, la Presidente Thessy Shoenholzer Nicolas, storica e artista tessile molto conosciuta, Patricia Girolmoni, esperta ricamatrice, laureata in arte del ricamo alla Royal School of needlework, maestra di diverse tecniche italiane ed inglesi e Fernanda Botti ricamatrice ed artista tessile in Toscana.

Hanno fatto parte della commissione anche Maura Lepri, antropologa e Patrizia Mari giornalista, entrambe esperte conoscitrici del mondo del ricamo.

La consegna dei premi, avverrà domenica 8 marzo 2015 alle ore 16 presso il Museo del Tulle a Panicale con una madrina d’eccezione, Paola Nesci, nipote di Anita Belleschi Grifoni proprietaria del marchio “Ars Panicalensis”, il cui deposito è stato recentemente rinnovato in continuità con la scelta già fatta nel 2005 al fine di tutelare questa eccellenza dell’artigianato artistico panicalese.

L’obbiettivo è di riportare le piccole imprese a supportare l’economia locale, sia tramite le produzioni, sia come attrazione turistica, proprio come fece Anita Belleschi Grifoni nel secolo scorso quando, l’Ars Panicalensis, divenne un vero e proprio metodo di integrazione al reddito della famiglia.

Durante la premiazione sarà presentata la terza edizione della Mostra Mercato Internazionale del Merletto e del Ricamo “Fili in Trama” che quest’anno si svolgerà il 29 e 30 agosto.

S.L.P.

No Comments

Post a Comment